Fin quando non ti ritrovi coinvolto non puoi capire completamente di cosa si tratta. Il Songkran è il capodanno thailandese tramutato in una vera festa. Il festival d’acqua più grande del mondo.

Sfilate di pick up con enormi taniche d’acque pronte all’uso per sferragliare riversamenti d’acqua addosso a chiunque si avvicini, dal passante al motociclista. Battaglie a colpi di gavettoni e pistole ad acqua di ogni misura possibile adatta anche al più piccolo.

Il capodanno thailandese viene atteso dal popolo e dagli stranieri che o per caso o appositamente si ritrovano nelle località thailandesi per poterlo vivere. La durata varia dai due ai tre giorni ma noi ritrovandoci a Pattaya abbiamo potuto vederlo fino al 19 aprile.

 

La tradizione prevede la visita ad un wat(un tempio buddhista) per pregare, portare offerte di cibo ai monaci, e lavare l’immagine del Buddha con l’acqua in segno di rinnovamento, di rinascita. Tutti rituali propiziatori per la buona sorte e per la prosperità del nuovo anno alle porte.

 

E’ proprio l’ultimo giorno che in seguito all’imminente fine del Songkran, cogliamo l’occasione di truccare i bambini della Take Care Kids da piccoli fantasmi. I fantasmi vengono ideati con l’intento di scacciare gli spiriti maligni dalla vita quotidiana. II bimbi fremono dall’entusiasmo, già calati immancabilmente nella parte iniziano a fare boccacce e a muovere le mani quasi volendoci terrorizzare, con versi e schiamazzi degni di temibili fantasmi.

Prima di recarci al tempio però, ci dirigiamo al punto di ritrovo con tutti i membri del distretto appartenenti. Adunati insieme ai fantasmi, scorgiamo altri bambini e signori intenti al trucco: stanno per diventare dei veri e propri morti che camminano con tanto di asce e coltelli di cartone.

Iniziamo a vedere sfilare ragazze di tutte le fasce d’età completamente avvolte in tessuti vivaci, i tipici abiti tradizionali caratterizzati da particolari che ne accentuano l’eleganza e la bellezza. Un susseguirsi di foto di gruppo, chiacchierate scambiate tra i più giovani e i più anziani quasi come se volessero tramandarsi qualche consiglio. Riuniti tutti ecco vederli adunare in fila dietro al carro che, già addobbato con fiocchi e lustrini fatiscenti, inizia a partire verso il tempio, luogo dove avverrà la celebrazione insieme agli abitanti del distretto di Pattaya e a funzionari della città come il Sindaco.

Ciò che si prospetta davanti a noi è un’iniziale attesa in cui i piccoli fantasmi, insieme agli altri bambini e adulti, prontamente truccati da morti viventi, si accingono per iniziare la loro sfilata davanti a tutti.

Il rituale prevede che essi compiano all’incirca 60 giri intorno all’enorme tavolata adibita a buffet, una tavolata allestita esclusivamente come offerta per gli spiriti e che nel mentre, mangino e finiscano tutto il cibo.

 

Possiamo garantire come si siano impegnati alla grande a cercare di terminare tutto il cibo prontamente cucinato e lasciato in offerta ma è dichiaratamente impossibile senza un minimo aiuto ed è per quello che terminati i giri, le persone invitate si avvicinano ai tavoli per iniziare a godere del banchetto prontamente offerto.

 

Si respira aria di festa e di sacralità. Le danze musicali e tradizionali non mancano per far volteggiare le ragazze sul palco di fronte agli spettatori. Non mancano i ringraziamenti e le foto, segno di come vogliano immortalare il momento. Una situazione in cui dal più piccolo al più grande si riunisce per concludere un ciclo e aprirne un altro, più prosperoso, più fortunato e sicuramente all’insegna della rinascita sancita dalla benedizione buddhista.

 

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
About Us

Due puntini in mezzo al mondo con una voglia matta di tracciare linee infinite all'interno di esso.

 

Search by Tags

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com